Contributo Acquisto Casa (Provincia di Trento)

La Provincia Autonoma di Trento ha sostenuto nel 2018 l’acquisto della prima casa con un contributo, incentivando l’attivazione contestuale di una pensione complementare.

Il bando 2018 "Contributo acquisto prima casa di abitazione e risparmio previdenziale" è chiuso.
Non è previsto un bando per il 2019.

Indicazioni per i versamenti al fondo pensione

Il bando per il Contributo Casa di Trento prevede che i beneficiari si impegnino a effettuare dei versamenti volontari in favore della medesima posizione pensionistica individuata nella domanda per una somma pari a 3.000 € ed entro il termine massimo di 10 anni successivi a quello di concessione del contributo. Il versamento può essere effettuato secondo due modalità: parziale o unico.

Versamenti parziali

I versamenti volontari possono essere effettuati attraverso bonifico per almeno 300 € annui nei 10 anni successivi a quello di concessione del contributo fino al raggiungimento della somma complessiva di 3.000 €. È possibile che vi sia un numero di versamenti annui inferiori a 10 nel caso in cui l’importo dei singoli bonifici annui sia superiore a quello minimo di 300 €. In entrambe i casi è necessario che venga rispettata la cadenza annuale, senza interruzioni. Qualora ciò non accada la Provincia potrà procedere alla revoca del contributo per mancato rispetto dell’impegno. Resta fermo che l’importo dei singoli versamenti può essere liberamente determinato dal beneficiario, purché non sia inferiore a 300 €. In caso di domanda presentata da una coppia i versamenti annui devono essere effettuati da entrambi per almeno 150 € ciascuno.

Versamento unico

È ammessa la facoltà di versare i 3.000 € o, in caso di coppia, di 1.500 € ciascuno, corrispondenti alla somma dei 10 versamenti minimi annui anche mediante un unico versamento annuo. Con ciò si consente ai beneficiari di adempiere all’impegno in un unico anno, senza dover rispettare la cadenza periodica prevista per i bonifici parziali. In tal caso il versamento potrà essere effettuato in qualsiasi momento, purché entro il termine massimo di 10 anni, che decorrono a partire dall’anno solare successivo a quello di concessione del contributo. Per “unico versamento annuo” si intende, alternativamente, un unico bonifico di importo pari a 3.000 euro oppure più bonifici di importo complessivamente pari a 3.000 €, purché effettuati nello stesso anno solare.

Ai fini dell'adempimento non valgono i contributi versati tramite datore di lavoro.

Il mancato rispetto dell'impegno determina la revoca del contributo.


> Maggiori informazioni sono disponibili sul sito dell'Ufficio stampa della Provincia Autonoma di Trento.